RECENSIONE | Thermaltake Level 20 RS ARGB

Thermaltake presenta il nuovo Level 20 RS ARGB al CES di Las Vegas

Il nuovo Mid Tower ispirato alla serie Level 20, ripropone l’utilizzo del vetro temperato, in questo caso troviamo doppia finestra da 4mm di spessore. La prima cosa che salta all’occio è la doppia ventola da 200mm ARGB nella parte frontale, oltre alle forme che ricordano tanto il mondo corse, con prese d’aria in basso e nella parte posteriore, mancano solo degli scarichi laterali.

 

TT Premium

Thermaltake ha sviluppato “TT Premium” con l’intento di combinare prodotti di qualità suprema con un nuovo design del logo. TT Premium è molto più di una semplice garanzia di qualità. Dietro il nome traspare la passione per il bricolage, il modding ed il desiderio di Thermaltake di essere il marchio più innovativo nel mercato dell’hardware per PC. Per soddisfare la domanda degli utenti di PC di fascia alta, TT Premium segue i suoi valori fondamentali di qualità eccellente, design unico, diverse combinazioni e creatività illimitata per fornire un prodotto per PC ad alte prestazioni per ogni appassionato.

Specifiche

Andiamo a vederlo nel dettaglio, partendo dall’esterno. Il Case misura 524 mm x 240,8 mm x 553 mm per un peso di 12,23Kg. 

 

Parte frontale

Frontalmente troviamo la nostra cornice in plastica con una trama davvero accattivante ed una copertura mesh, permettendo di avere un ottimo air flow. Incastonato nella parte bassa il logo TT, subito sotto le nostre guide per l’aerodinamica, dando maggiore velocità e potenza alla nostra componentistica interna xD (ironicamente parlando). Dietro il pannello si nascondono (non poi così tanto quando acceso) due belle ventole ARGB da 200mm, con giri fissi da 600 rpm ed un rumore di 29,2 dBA. Togliendo queste fantastiche ventole abbiamo la possibilità di installare fino a 3 ventole da 120mm o 3 ventole da 140mm.

 Pannello superiore

Qui troviamo un’altra cornice in plastica con un bel pannello mesh  che ci da modo di avere tanto spazio per la fuoriuscita della nostra aria calda presente nel case. Incastonato nella cornice abbiamo il tasto di accensione, il tasto per il cambio di LED delle ventole frontali, ingresso ed uscita audio, dal lato opposto troviamo 2 USB 2.0 e 2 USB 3.0.

Laterali

Entrambi i lati hanno una copertura in vetro temperato da 4mm con una cornice nera ed in metallo internamente, che permette di fissarsi al case tramite due viti nella parte posteriore. Sicuramente vedere l’interno del PC è molto affascinante, soprattutto se decidiamo di inserire componentistica vistosa ed ILLUMINATA. Ma nella parte posteriore, bisogna essere veri maghi del cable management per evitare di creare un disastro.

Posteriore

Nella parte posteriore rivediamo la texture delle prese d’aria presenti anche frontalmente, subito in basso la presa per la ventola da 120mm, in questo caso non ARGB, peccato! Sarebbe stato completo ma soprattutto perfetto.

Scendendo troviamo gli 8 slot PCI, struttura smontabile con la possibilità di ruotarla di 90° in senso antiorario permettendoci di montare schede video in verticale.

Continuando a scendere troviamo l’alloggiamento dell’alimentatore con il pannello scollegabile, aiutando il montaggio dello stesso.

 

Inferiore

Nella parte inferiore del nostro Level 20 RS troviamo un bel filtro per la polvere che corre per tutta la lunghezza, proteggendo oltre l’alimentatore dal passaggio di polvere anche il resto della componentistica. Se si decide di metterlo sotto la scrivania è molto più facile l’accumulo di polvere, quindi assolutamente apprezzata la scelta.

Interno

Entrando nel nostro Level 20 RS vediamo subito che è possibile montare schede madri ATX, mini ITX e micro ATX.

Abbiamo il passaggio dei cavi con gommini di copertura, che protegge ulteriormente il passaggio di polvere, oltre ad avere anche un valore estetico. In alto, subito sopra la scheda madre troviamo diverse feritoie atte al passaggio dei cavi delle ventole, alimentazione CPU ecc.

La copertura del PSU ha una finestrella che ci permette di vedere il dorso dell’alimentatore, si hanno oltre ai fori in basso, dove la ventola preleva aria fresca, si hanno solchi anche superiore alla nostra nostra gabbia, in modo da poter scegliere se montare l’alimentatore con la ventola verso il basso o verso l’alto.

Subito sopra la copertura si ha una piastra per il montaggio di un SSD o HDD da 2,5″ e il supporto per due schede video in verticale. Avanti la gabbia si hanno gli slot per HDD da 3,5″, spostabile anche più in alto o totalmente smontabile.

Cablaggio

Passiamo al lato critico di tutti i case. La parte posteriore alla scheda madre è ampia, si ha molto spazio di manovra, sicuramente avere un alimentatore modulare o al massimo semi modulare aiuta molto l’installazione.
Troviamo anche il controller per le ventole frontali, con la possibilità di collegarle a scheda madre o gestibile tramite il tastino presente accanto al tasto di accensione.

Conclusioni

Il Thermaltake Level 20 RS ARGB, mi ha stupito per qualità dei materiali e realizzazione, i due ventoloni frontali li preferisco per la silenziosità e per il grande flusso di aria che riescono a generare. Peccato che la ventola posteriore non sia ARGB ma standard, sarebbe stata la ciliegina sulla torta che avrebbe reso questo case “senza difetti”.
La piastra PCI smontabile e gestibile come si preferisce è davvero un tocco di classe.
 
Il prezzo di vendita di 170€ è il giusto prezzo da pagare per avere un case di qualità con tante caratteristiche interessanti, ma soprattutto, con la possibilità di aumentare gli FPS tramite gli ARGB e l’ottima aerodinamica della sua “carrozzeria”. 😆
 

Mirco Romano

Appassionato di informatica dall’età di 3 anni. Ho cominciato nel lontanissimo 1988 quando mio padre mi comprò il commodore 64, da allora non ho più smesso di appassionarmi a questo mondo. All’età di 10 anni ho assemblato il mio primo pc comprando tutti i pezzi in un negozio della zona (non c’era Amazon).

Read Previous

Windows 10 ha un nuovo look

Read Next

SSD contro i cali di corrente con conseguente perdita dei dati: Arrivano i nuovi SSD ISSS333 di Adata