RECENSIONE | Sharkoon DRAKONIA 2 BLACK

Oggi per i fan del gaming e in particolare degli MMO, abbiamo in recensione lo Sharkoon DRAKONIA 2 BLACK.

All’interno della confezione del Sharkoon DRAKONIA 2 troviamo il mouse, gommini inferiori di ricambio, un piccolo sacchetto in finto velluto marchiato Sharkoon e il manuale d’utilizzo.

Il top del mouse ricorda le squame di un drago che in qualche modo categorizza il prodotto a prima vista nella fascia gaming. La livrea è lucida e si interrompe al centro del mouse con incastonato il logo Sharkoon rgb.

Avremo preferito un look più minimalista, ma considerando che è un mouse da MMO e che il design è stato ben integrato con le forme del mouse, le squame di drago alla fine non ci dispiacciono.

ERGONOMIA

La forma del mouse è abbastanza ergonomica, sui lati ci sono dei pad in gomma per aumentarne l’aderenza e vi è anche un sistema di pesi per bilanciare il tutto.

Sul posteriore, infatti,  vi è uno sportellino con 5 pesi rimovibili. Solitamente non cambiamo mai il bilanciamento di un mouse, però e sempre una caratteristica in più con cui poter sperimentare.

Il cavo di collegamento è lungo 1,80 m, è sleevato e il connettore usb è caratterizzato da una patina dorata. Inoltre l’attacco è gommato per evitare che con il tempo il connettore si possa danneggiare.

Il mouse ha 12 pulsanti contando anche il tasto pressorico della rotellina di scorrimento, tutti programmabili tramite software e facilmente accessibili che potrete scaricare da questo link: Software DraKonia II

Per quanto riguarda i tasti centrali dello Sharkoon DRAKONIA 2 per il controllo dei dpi e il tasto di fuoco rapido, non sono di alcun intralcio e sono posizionati in maniera tale da non essere pigiati accidentalmente dall’utente.

L’illuminazione RGB comprende il logo centrale, la rotellina di scorrimento e i tasti laterali, e può essere controllata tramite software.

SETTAGGI

L’interfaccia è semplice e chiara e possiamo settare praticamente ogni funzionalità del mouse, dall’illuminazione, alla personalizzazione dei tasti fino alla programmazione delle macro.

Inoltre i profili di sensibilità DPI sono completamente personalizzabili. Il settaggio delle macro si presenta particolarmente utile non soltanto in gaming ma anche in ambito editing. Per esempio questo video è stato editato completamente senza utilizzare la tastiera.

 

Parte fondamentale dello Sharkoon DRAKONIA 2  è il sensore che conosciamo bene e ne abbiamo già parlato, è un PixArt Imaging Inc. PMW3360 ed è ottimo. con sensibilità fino a 15000 dpi con un minimo di 100.

Sulla parte laterale del mouse inoltre possiamo trovare delle tacche led che indicano il preset DPI utilizzato. Durante tutti i nostri test la sensibilità era impostata a 2500 dpi e non abbiamo avuto particolari comportamenti strani o alzate di visuale aumentando la velocità di scorrimento. 

Nella schermata relativa al setting dei DPI, possiamo variare la risoluzione del sensore a step di DPI ogni 100. Possiamo anche disattivare 5 dei 6 step di DPI per tenerne solo uno e magari dedicare i tasti dorsali del mouse ad altre funzioni.

TEST IN GAMING

Per i test in gaming abbiamo Quake Champions, per testare velocità e reattività del sensore. Dobbiamo dire che ci siamo trovati davvero bene e i tasti laterali sono davvero utili configurati stock per cambiare arma. (Vedi video allegato nella parte superiore)

PREZZO E DISPONIBILITA’

Infine parliamo del prezzo che come sempre Sharkoon si posiziona sulla fascia media senza tuttavia diminuire la qualità del prodotto, su amazon lo possiamo trovare sui 40 euro, prezzo a nostro parere davvero ottimo visto il prodotto in se.

Per coloro che volessero acquistarlo il Drakonia 2, è disponibile in due colorazioni, verde e nera.

Per Maggiori Info:

https://it.sharkoon.com/product/DRAKII

 

Vinkmag ad

Team Di redazione

Team di redazione

Read Previous

WD Black SN750, il nuovo SSD NVme di casa Western Digital

Read Next

Alcune CPU Intel di nona generazione utilizzano ancora la pasta termica