Recensione NZXT H510 Elite – Case da Gaming perfetto?!

Recensione NZXT H510 Elite – Case da Gaming perfetto?!

L’H510 è il nuovo mid tower di casa NZXT, un refresh dell’attuale serie H. In questa nostra recensione andremo a vedere la versione Elite che si distingue dal pannello frontale completamente in vetro temperato.

In dotazione troviamo due ventole RGB da 140mm sul frontale e una da 120mm sul posteriore. NZXT oltre a concentrasi sulla parte estetica del case permettendo agli utenti di posizionare anche la scheda video in verticale, ha introdotto interessanti migliorie ad un prodotto già perfetto di suo.

La vera particolarità del H510 è da ritrovare nel pannello posteriore che in genere viene utilizzato per la sistemazione dei cavi.

Qui vediamo il grande lavoro di ricerca che NZXT è riuscita a realizzare in un case mid tower dove la gestione e la pulizia dei cavi è prossochè maniacale.

Con una serie di canalini posizionate nelle zone  strategiche fanno la differenza fra un case qualunque e uno marcato NZXT.

Il nuovo controller Smart Device 2 include due canali di illuminazione HUE 2 RGB e tre canali di ventilazione che supportano modalità 0dB per ventole regolate in tensione o PWM.

Due vassoi per l’installazione dei nostri SSD sono facilmente rimovibili tramite una semplice vite.

L’H510 Elite è dotato di una staffa di montaggio del radiatore rimovibile che oltre a semplificarne l’installazione, è sicuramente un vantaggio anche per la pulizia dello stesso.

Sul fondo del case trova alloggio un filtro anti-polvere facilmente rimovibile per il nostro alimentatore.

Svitando 4 semplici viti possiamo spostare o addirittura eliminare il blocco degli Hard disk, che se non utilizzati creerà ancora più spazio per nascondere i cavi se utilizziamo un alimentatore non modulare.

Il copri PSU forato permette una maggiore areazione nella zona inferiore migliorandone l’airflow in generale.

Ma non perdiamo altro tempo e vediamo l’assemblaggio del nostro PC.

Test con NZXT CAM

Per il nostro test abbiamo utilizzato un i5 7600k con un leggero OC portando il processore da 3.8ghz a 4.0 ghz. Utilizzando AIDA 64 abbiamo stressato la nostra CPU che non ha mai superato i 56° per tutta la durata del test.

Come dissipatore abbiamo utilizzato un enermax aquafusion da 240mm misurando le nostre temperature utilizzando il software proprietario di NZXT.

Facendo uno stress test sulla nostra 970 asus strix possiamo notare come la temperatura abbia toccato il picco massimo di 65° ritornando ai suoi valori standard una volta terminato il test.

Gestione RGB

Per gestire al meglio la nostra illuminazione RGB, NZXT ci da a disposizione il software CAM dove oltre a gestire illuminazione è un valido strumento per monitorare temperature, visualizzare tutta la componentistica del nostro pc, fare overclock, impostare tramite vari preset presenti il funzionamento delle ventole e un sistema intelligente automatico della gestione del nostro hardware.

PREZZO E DISPONIBILITA’

Il prezzo dovrebbe aggirarsi intorno ai 150 euro e potrete trovarlo direttamente da VG Informatica

Vinkmag ad

Mirco Romano

Appassionato di informatica dall’età di 3 anni. Ho cominciato nel lontanissimo 1988 quando mio padre mi comprò il commodore 64, da allora non ho più smesso di appassionarmi a questo mondo. All’età di 10 anni ho assemblato il mio primo pc comprando tutti i pezzi in un negozio della zona (non c’era Amazon).

Read Previous

Sharkoon Monitor Stan PURE e POWER: stazione di ricarica wireless e spazio di archiviazione

Read Next

ADATA XPG Gammix S50 – La velocità prima di tutto