Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti.
Recensioni

RECENSIONE | Noua Demon T2 

NOUA AZIENDA ITALIANA DALLE GRANDI PROSPETTIVE DI CRESCITA PRESENTA IL DEMON T2

Prima di iniziare la nostra recensione volevamo parlare un pò di NOUA, azienda italiana che sta facendo parlare di sè in questi ultimi mesi con prodotti mirati a tutti gli appassionati del Gaming con un occhio di riguardo al prezzo.

Non hanno ancora un sito web ma a breve secondo quanto dichiarato dalla stessa NOUA nella loro pagina Facebook, nei prossimi giorni dovrebbe essere operativo il loro sito. In questo link vi lasciamo lo store online direttamente su amazon dove potete trovare tutti i loro prodotti.

Appena nata, siamo stati uno dei primi siti di hardware a contattare l’azienda per testare con mano i loro prodotti e portarvi una visione quanto più possibile completa sui loro prodotti.

Dopo il grande successo del Noua Utopia F5, se non lo conoscete vi consigliamo la visione della nostra recensione, Noua nelle scorse settimane ha presentato il Demon T2.

Andiamo a scoprire insieme pregi e difetti sul nuovo mid tower gaming.

Iniziamo dalle dimensioni: 40.5 x 20.5 x 45 cm un case mid tower davvero compatto e totalmente in vetro temprato.

Il pannello frontale come quello laterale sono in vetro, materiale che dona una sensazione premium a tutto il case, apprezzato dalla maggior parte degli appassionati in materia di gaming.

Sul frontale troviamo l’unico logo dell’azienda e le forme del case sono molto semplici e pulita tranne sul laterale dove nella parte sottostante troviamo una trama in rilievo a nido d’ape che spezza l’aspetto liscio dato dal vetro creando un bel contrasto.

Passiamo ora alla parte superiore a filo con la struttura del case troviamo il classico pannello con gli ingressi composta da:

  • Tasto di accensione
  • Tasto reset
  • Jack IN/OUT per cuffie e microfono
  • 2X USB 2.0
  • 1x USB 3.0

Sempre nella parte superiore troviamo il classico filtro anti-polvere magnetico molto semplice da rimuovere e pulire.

Passiamo ora all’interno del case dove trova alloggiamento per schede madri Mini/Micro/ ATX e una ventola ARGB da 120 mm per l’espulsione dell’aria calda già preinstallata al momento dell’acquisto.

Sempre in dotazione troviamo le due ventole frontali davvero enormi da 200 mm anch’esse ARGB con una velocità massima di 800 rpm che sono in linea con lo standard per queste misure ed utilizzate anche da aziende ben più blasonate nel settore.

Le ventole sono già collegate ad un controller preinstallato sul case dove possiamo collegare fino a 6 ventole e due strisce led facilmente controllabili dal telecomando in dotazione.

Tramite il telecomando possiamo gestire fino a 256 effetti di luce, aumentare o diminuire la velocità di tutte le ventole installate, aumentare la luminosità, memorizzare fino a 4 preset oppure spegnere totalmente gli effetti RGB.

Se avete intenzione di aggiungere delle ulteriori ventole assicuratevi di collegarle sempre in serie quindi se avete 4 ventole, collegatele ai primi 4 connettori presenti. Vi consigliamo l’acquisto delle NOUA BOREAS in modo da mantenere la stessa trama e dare un aspetto lineare all’estetica del case.

RECENSIONE | Ventole Noua Boreas RGB 120mm

Raffreddamento e AIR-FLOW

L’unico dubbio di questo case è rappresentato dal poco spazio che hanno le due ventole sul frontale che sono davvero vicine al pannello in vetro il che rende più difficile il passaggio dell’aria.

Un’altra piccola pecca è l’assenza del filtro anti polvere sempre sul frontale che può far storcere il naso soprattutto se abbiamo intenzione di posizionare il PC in basso alla scrivania dove la polvere tende ad accumularsi maggiormente.

Parlando di raffreddamento, sul top possiamo installare ventole 2x 120 mm oppure 2x 140mm per migliorare ulteriormente l’espulsione dell’aria calda che tende a salire verso l’alto. Piccola precisazione, lo spazio è davvero ristretto e non è possibile installare AIO se installiamo schede madri ATX.

Sul copri alimentatore come possiamo vedere dalla foto è presente un taglio per installare un radiatore ma andrebbero tolte le due ventole da 200mm già preinstallate, nulla di cosi complicato, basta svitare le 8 viti delle ventole per rimuoverle.

Se invece optiamo per un raffreddamento ad aria per la nostra CPU possiamo installare dissipatori ad aria alti fino a 170mm e per farvi un esempio il Noctua NH-D15 che è uno dei dissipatori più performanti ha un altezza massima di 165 mm.

Per quanto riguarda l’installazione delle schede video possiamo montare schede fino a 360mm.

Storage e Cable Managment semplice e pulito

Nell’alloggiamento principale troviamo una canalina per gestire al meglio i cavi ed essendo molto profonda non avremo nessun tipo di problema specialmente i novizi del mestiere.

Il copri alimentatore non è rimovibile e nasconde il cestello per lo storage dei dischi HDD (2x 3.5″ o 2x 2.5″) e un ulteriore spazio per l’alloggiamento di ulteriori 2 dischi in formato 2.5″ tramite 2 slitte posizionate nella paratia posteriore

2X SSD o HDD da 2.5
2X SSD o HDD da 2.5"
2X HDD 3.5
2X HDD 3.5" o 2x SSD 2.5"

RECENSIONE | DeepCool Matrexx 55 RGB corrette alcune problematiche del precedente modello.

Related posts

Lascia un commento

Required fields are marked *

Realizzato e gestito da © SEMotion