Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti.
RECENSIONE | Msi Vampiric 010: Il case ispirato al Conte Dracula
Recensioni

RECENSIONE | Msi Vampiric 010: Il case ispirato al Conte Dracula 

1. Introduzione

MSI dopo essersi affermata nel mondo Hardware con schede madri, schede video e periferiche prettamente ad uso gaming, negli ultimi mesi si sta inserendo anche nella costruzione di case.

Non sono tanti i modelli di chassis MSI attualmente in vendita, infatti troviamo solamente 2 tipologie: MPG GUNGNIR costituito da 3 versioni, il 100, il 100D e il 100P e infine il MAG VAMPIRIC 010.

 

MPG GUNGNIR 100D
MPG GUNGNIR 100D
MPG GUNGNIR 100P
MPG GUNGNIR 100P
MPG GUNGNIR 100
MPG GUNGNIR 100
MAG VAMPIRIC 010
MAG VAMPIRIC 010

MAG VAMPIRIC 010 si ispira alla figura del re vampiro Dracula, con toni neri e grigi, atti a richiamare l’aspetto di un castello tetro e silenzioso.

Il case appartiene alla categoria MID TOWER con dimensioni di 42 x 21 x 47.5 cm quindi in linea con gli standard attuali di mercato e supporta schede madri ATX / M-ATX / MINI-ITX.

La lunghezza massima della nostra GPU (scheda video) non dovrà superare i 350 mm, mentre per il vano PSU, l’alimentatore non deve superare i 200mm.

Davvero interessante il rapporto qualità/prezzo del prodotto che offre sicuramente tutti i requisiti fondamentali per uno chassis da gaming nel quale potremmo installare radiatori fino a 360mm sul frontale, un radiatore fino a 280mm sul top e infine la classica ventola da 120 mm messa in estrazione già preinstallata A-RGB.

Mentre se la nostra scelta ricadrà su un sistema di raffreddamento ad aria, l’altezza massima consentita per il nostro dissipatore sarà 167mm.

Per quanto riguarda il comparto storage invece troviamo 2 alloggi HDD da 3.5″ (compatibili anche con SSD/HDD da 2.5″) e ulteriori 2 slot da 2.5″.

Specifiche tecniche del prodotto che andremo a recensire.

Grazie ai ragazzi di Vg Informatica nostri partner ufficiali siamo riusciti ad avere un sample da recensire in modo da avere una visione più chiara dell’intenzione di MSI sull’argomento “case da Gaming”.

Il MAG VAMPIRIC 010 riuscirà ad inserirsi nei Best Buy in questa fascia di prezzo?

Scopriamolo insieme nelle prossime pagine …

2. Packaging & Bundle

VAMPIRIC 010 è venduto all’interno di una confezione di cartone dalla forma rettangolare con dimensione 53 x 51 x 54 cm facile da trasportare grazie alle due maniglie nella parte alta.

Nelle facciate della scatola troviamo un esploso del case dove è possibile vedere tutte le parti rimovibili e la classica tabella riassuntiva con tutte le relative specifiche tecniche.

Come possiamo vedere dall’immagine sopra, il prodotto è ben protetto da due gusci in polistirolo, racchiuso da una pellicola in plastica.

All’interno oltre al case, troviamo tutto l’occorrente per l’installazione del nostro hardware, le fascette ferma-cavo per organizzare al meglio il nostro cable-managment e un filtro antipolvere magnetico calamitato.

3. Esterno

Il MAG VAMPIRIC 010 si presenta con linee molto pulite e semplici in linea con i più comuni case di questa fascia di prezzo.

La prima cosa che salta all’occhio è il logo MSI posizionato in alto a destra stampato quindi non RGB in trama sul frontale ispirato al duca Vlad Tepes in arte – Dracula. Con una combinazione di nero e grigio, altrettanto sobrio e misterioso come i colori di un castello.

Il frontale è il punto di forza estetico di questo case con un’illuminazione A-RGB centrale facilmente programmabile tramite il software proprietario di MSI ( MYSTIC LIGHT SYNC ) oppure tramite pulsante che andremo a vedere in seguito.

Per rimuoverlo basta una semplice pressione verso l’esterno, ma attenti a non tirare troppo perchè rischierete di strappare l’alimentazione della striscia RGB già preinstallata.

MSI sul  pannello frontale rimovibile ha deciso di non includere le porte I/O che rimarranno sullo chassis, facilitando una volta tolto, il montaggio delle ventole anteriori e non avere tutto quel gruzzolo di cavi che spesso ostacolano la libertà di movimento del pannello stesso.

Come possiamo vedere dalla foto i lati sono aperti per permettere alle ventole di pescare aria fresca nel nostro case e raffreddare il più possibile i nostri componenti.

Il tono grigio chiaro del pannello laterale in vetro temperato da 4 mm è ideale per la visualizzazione dell’illuminazione RGB e farà risaltare tutti i vostri componenti.

E’ sorretto da 4 viti facilmente rimovibili con un cacciavite insieme a dei gommini che vi aiuteranno una volta svitate, che il vetro non vi scivoli rischiando di fare seri danni.

Sul top del case troviamo: un filtro antipolvere magnetico facilmente rimovibile, 1 X USB 3.0, 2 X USB 2.0, jack per le cuffie e il microfono, il tasto di accensione e quello di riavvio.

Guardando la parte posteriore del case troviamo le non comodissime clip per installare le nostre PCI-E, quindi attenzione a quali rimuovete perchè non potete tornare indietro.

In alto a sinistra l’alloggio per la nostra scheda madre e a fianco, una griglia con fori asolati per posizionare al meglio la ventola di estrazione. (già preinstallata)

Il vano dedicato al PSU può ospitare alimentatori fino a 200mm dove intravediamo la griglia per il raffreddamento dell’alimentatore che presenta un filtro antipolvere facilmente rimovibile.

Il case è rialzato con 4 piedini alti 2 cm che serviranno ad aumentare la portata d’aria al nostro alimentatore e sono provvisti di gommini utili a non rovinare il piano su cui andremo a posizionare il nostro PC.

Le 4 viti centrali che vediamo servono per togliere il vano dedicato agli alloggi degli HDD. Nel paragrafo Raffreddamento andremo a vedere a cosa serve.

Infine sulla destra troviamo una piccola apertura che ha due scopi: la prima è quella di facilitare la rimozione del pannello frontale, l’altra è utile per aiutare le ventole a pescare aria fresca.

4. Interno

L’interno del Vampiric 010 è molto semplice e minimale in linea con gli standard attuali su questa fascia di prezzo.

Sul fondo troviamo un copri PSU divenuto ormai standard per nascondere tutti i cavi ed avere una maggiore pulizia dei flussi d’aria aumentando l’air-flow di tutto il sistema.

Il taglio che vedete sulla parte destra è ben protetto da un gommino per evitare di tagliarci, serve per l’installazione delle ventole e per inserire un radiatore da 360 mm che andremo a vedere in seguito.

Non sono presenti gommini passacavo, dove in sostituzione troviamo una fessura utile per far passare tutti i cavi necessari ed ottimizzare il cable-managment.

Msi sul frontale ha deciso di non mettere in dotazione ventole aggiuntive, una scelta azzeccata visto che cosi facendo oltre ad abbattere i costi avremo piena scelta del tipo di ventole da acquistare separatamente o se collegare un impianto a liquido AIO.

Spostandoci sull’altra faccia del case troviamo la zona dedicata allo storage dei nostri dischi SSD/HDD e al passaggio dei cavi verso l’alimentatore.

Comode le due slitta per l’inserimento/rimozione istantanea dei nostri dischi da 3.5″ o da 2.5″ come possiamo vedere in foto. Basta semplicemente fare pressione sulle due linguette ed estrarre il disco.

Per installare i nostri dischi SSD abbiamo a disposizione 2 alloggi semplici da rimuovere tramite un cacciavite per svitare l’unica vite di sostegno e sollevare la clip.

5. Raffreddamento

Il MAG VAMPIRIC 010 è stato concepito per ottimizzare al meglio i flussi d’aria all’interno del nostro case.

Sul frontale avremo la possibilità di montare radiatori fino a 360 mm, e qui bisogna prestare attenzione perchè per fare ciò dovremo togliere il vano dedicato ai dischi HDD. Il vano è rimovibile tramite le 4 viti presenti sul fondo del case come vi avevamo accennato nel paragrafo precedente.

Questa operazione ci porta a non avere più spazio per degli HDD meccanici da 3.5″ quindi rimarrebbero solo i due alloggi per dischi SSD/HDD da 2.5″

In alternativa è possibile montare 3 ventole da 140mm/120mm senza il vano degli HHD, oppure 2 ventole da 140mm/120mm con il vano.

Sul top come detto nell’introduzione avremo la possibilità di installare radiatori fino a 280mm o 2 ventole da 120/140mm.

Sul retro troviamo l’unica ventole preinstallata A-RGB da 120mm.

6. Installazione Componenti

Finalmente arriviamo al punto di installare i nostri componenti all’interno del case per valutarne accessibilità ed impatto estetico.

Il case vista la fascia di prezzo di cui stiamo parlando (circa 80 euro a seconda degli shop) entra nella categoria Low-Budget, quindi andremo ad installare un sistema considerato tale.

Ovviamente questa parte è puramente personale e noi abbiamo adoperato componenti reperiti in casa. Per far affidamento alle vere potenzialità del case vi consiglio di visitare il sito di MSI.

Sempre sotto l’occhio vigile e attento del nostro Lucky, per prima cosa montiamo la nostra scheda madre con già installato il processore (Ryzen 5 2200G) ed 8 GB di ram DDR4 a 2400 MHZ.

La scheda in questione è una M-ATX quindi viste le dimensioni abbiamo avuto tutto lo spazio necessario per installare facilmente il tutto e fissarla tramite le 4 viti che troviamo in dotazione.

Successivamente, non avendo a disposizione un raffreddamento a liquido abbiamo optato nell’installazione delle 2 ventole da 120 mm sul frontale e 1 ventola sempre da 120 sul top. ( Noua Boreas )

Anche in questa circostanza il montaggio è stato immediato e tramite dei fori appositi siamo riusciti a far passare i cavi delle ventole per nasconderli il più possibile.

Dopo aver posizionato anche il nostro SSD, come potete ben vedere il tutto è ancora in ordine nonostante le 3 ventole aggiuntive. Questo è possibile grazie agli appositi spazi dove poter fissare tramite delle fascette che troverete in dotazione i nostri cavi.

Per ultima cosa andiamo a posizionare il nostro alimentatore dove andremo ad alimentare scheda madre, SSD, ventole e processore. Non abbiamo avuto grossi problemi nel riuscire ad avere un cable-managment pulito ed ordinato e racchiudere tutti i cavi negli appositi occhielli ben posizionati e tenerli ben saldi con delle fascette nere.

Grazie all’apertura nella parte superiore siamo riusciti a far passare i vari cavi del pannello I/O del case.

Trattandosi di una scheda madre M-ATX c’è tanto spazio di manovra all’interno.

7. Conclusioni

Il MAG VAMPRIC 010 è sicuramente un case dal rapporto qualità/prezzo interessante ideale non solo per la fascia entry level ma anche per coloro che cercano un prodotto dalle linee sobrie, semplici e minimaliste.

Non molti case di questa fascia possono ospitare radiatori fino a 360mm seppur con qualche rinuncia nell’installazione degli HDD da 3.5″. Ottimi i materiali di costruzione e il vetro temperato da 4mm leggermente oscurato fanno si che tutti i componenti all’interno siano ben visibili.

Sul lato cable-managment l’assenza dei gommini passa cavo è sicuramente una mancanza ma tutto ciò è ben sostituito da una fessura ben posizionata e abbastanza larga da far passare tutti i cavi senza nessuna difficoltà. Nella zona posteriore c’è abbastanza spazio per posizionare al meglio tutti i cavi in modo da rendere pulita e piacevole la parte estetica.

Sicuramente il punto di forza come abbiamo evidenziato all’inizio è il frontale con il logo MSI in bella vista arricchita da una striscia led ARGB.

Trattandosi del secondo case che MSI immette nel mercato ci sono alcune criticità da migliorare che sicuramente conoscendo il brand saprà risolvere con i prossimi modelli.

Se siete fan di MSI possiamo dire che finalmente ora potremo assemblare una build total MSI.

Vogliamo ringraziare ancora una volta VG Informatica che ci ha dato l’opportunità di testare e ha permesso la recensione di questo prodotto.

 

Related posts

Lascia un commento

Required fields are marked *

Realizzato e gestito da © SEMotion