Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti.
Recensioni

RECENSIONE | DeepCool Matrexx 55 RGB corrette alcune problematiche del precedente modello. 

Matrexx 55 ADD RGB 3F case gaming spazioso e con un occhio di riguardo all’estetica.

Qualche mese fà vi avevamo parlato del nuovissimo case di casa DeepCool, esattamente del Matrexx55. DeepCool in questa nuova versione che andremo a recensire si è allineata agli standard in materia di case correggendo alcune delle poche problematiche che avevamo visto nella scorsa recensione.

Parliamo del Matrexx 55 ADD RGB 3F di casa DeepCool con Addressable RGB e qualche asso nella manica che andremo a vedere in questa nostra recensione.

DeepCool con la serie Matrexx ha sviluppato una serie di case che utilizza lo stesso frame, quindi dal punto di vista estetico sono praticamente tutti uguali. Questo permette di avere un case con pannello temprato spesso 4 mm in grado di coprire diverse fasce di prezzo.

Come detto in precedenza esistono esistono 3 versioni del Matrexx 55: la versione base, il MATREXX 55 ADD-RGB ed infine il MATREXX 55 ADD-RGB 3F che è la versione che andremo a vedere.

Nella versione più economica che abbiamo già recensito negli scorsi mesi e che potete trovare il video sul nostro canale Youtube, con un costo davvero basso ci offre la possibilità di avere un case con una linea minimal ma a discapito di alcune rinunce a nostro parere sorvolabili.

Ovviamente nella versione più completa saranno incluse le 3 ventole RGB che andranno ad incidere sul prezzo finale del case.

Differenziare lo stesso case in 3 versioni è sicuramente un pregio che DeepCool ci propone, infatti nella versione base senza ventole potremo decidere noi il tipo di ventole da installare in base ai nostri gusti personali.

La parte esterna rimane pressochè uguale, fatto di linee sobrie che permettono di non sfigurare in ambienti un pò particolari come uno studio o un ufficio e con l’aggiunta delle ventole RGB e una striscia led sul frontale fà la sua onesta figura come PC da Gaming.

L’utilizzo del doppio vetro temprato con una tinta scura spesso 4 mm che troviamo sul pannello frontale e sul pannello laterale migliorano sicuramente il lato estetico ed è condivisa in tutte e 3 le versioni.

Le vere differenze le troviamo soprattutto all’interno del case.

Come sempre resta la possibilità di installare tanto hardware al suo interno supportanto qualsiasi tipo di schede madri fino al formato più esteso E-ATX, schede video di lunghezza massima fino a 370mm e dissipatori ad aria fino a 168mm.

Guardando l’interno il primo cambiamento che salta all’occhio rispetto alla versione base è l’aggiunta del copri alimentatore realizzato in metallo e ben fissato tramite rivetti.

Sempre in questa versione DeepCool ha aggiunto la sincronizzazione RGB sia con i dispositivi proprietari di DeepCool/Gamerstorm che a tutti gli altri econosistemi aggiungendo gli Header universali a 5 pin e 3 pin, quindi i dispositivi a 5V ADD RGB di qualsiasi altra marca ora possono essere gestiti in tutta tranquillità. Aura Sync, Polychrome di ASRock, RGB Fusion di Gygabyte e Mystic Light di MSI.

Sistemi di raffreddamento che possiamo installare

Sul pannello frontale (3) c’è abbastanza spazio per installare radiatori fino a 360mm, sul top (1) invece troviamo spazio per radiatori fino a 280mm mentre sul posteriore (2) radiatori fino a 120mm. Quindi abbiamo a nostra disposizione davvero tanto spazio e possiamo sbizzarrirci ad installare qualsiasi raffreddamento a liquido, che si tratti di All-in-one che impianti custom.

A proposito di AIO, forse ti sei perso la nostra recensione del Castle 240 RGB sul nostro canale youtube, che insieme a questo case sicuramente andrete a creare un PC da gaming davvero da far invidia ai vostri amici. ISCRIVITI ORA

ARTICOLO CORRELATO

RECENSIONE | DeepCool Castle RGB 240 mm

Ventole CF 120 già preinstallate sul case

Le ventole che troveremo installate sono le CF 120, ventole con controllo PWM quindi con possibilità di collegarle alla scheda madre con possibilità di regolare la velocità tramite BIOS o programmi esterni.
Queste ventole hanno una velocità massima di 1500 rpm, Flusso d’ aria di 56.5CFM e sono abbastanza silenziose anche a pieno regime 17.8~27dB(A).
Utilizza 12 LED RGB programmabili in modo indipendente, CF120 fornisce l’illuminazione completa, realizzando effetti di luce magici con i controlli MB che includono 3 modalità dinamiche (onda, ciclo e respiro) e 3 modalità monocromatiche (luce costante, respiro e meteore), fino a 8 colori diversi.
Come avevamo visto anche nella versione base purtroppo rimangono alcune problematiche che possiamo considerare come il classico “mettere i puntini sulle i“, i copri slot posteriori che come tipologia sono quelli classici da far saltare tipici di questa fascia di prezzo quindi nulla di allarmante.
Un’altra piccola pecca è l’assenza dei gommini passacavo che almeno nella versione più completa potevano essere incluse. Sia chiaro che dal punto di vista funzionale queste due mancanze non comportano praticamente nulla, ma è una piccola attenzione ai dettagli che volevamo sottolineare.
Il punto di forza di questa serie Matrexx 55 è sicuramente il prezzo che come abbiamo visto nei link ad inizio articolo partono dai 44 euro per la versione base fino ad arrivare sui 100 euro per la versione completa.
Se consideriamo il prezzo di 60 euro delle 3 ventole già installate ci sentiamo di consigliare questo case a tutti gli amanti ed appassionati del settore gaming, mentre la versione base è consigliatissima per usi più sobri come uffici.

Shock Pro RGB 7.1: Il Gaming Headset targato TT eSPORTS

Antec presenta il Prizm Cooling Matrix

Related posts

Lascia un commento

Required fields are marked *

Realizzato e gestito da © SEMotion