GUIDA – Come ripristinare il menu “Start” di Windows 10 bloccato

Durante il normale utilizzo del computer il menu “Start” smette di funzionare come se cliccassi in un punto non attivo?

L’autore di questo articolo o in generale il sito “La Fabbrica del PC” non si assumono NESSUNA responsabilità in caso di danneggiamento o malfunzionamento del computer a seguito di uno scorretto utilizzo di questa guida.

Introduzione

Questo errore capita piuttosto spesso nel sistema operativo di casa Microsoft, in questa guida andremo a vedere quali sono alcune soluzioni per cercare di ripristinare il corretto funzionamento.

Più tecnicamente si tratta di un “bug” molto fastidioso, ovvero un errore che viene generato nel momento in cui si realizza un software, questa conseguenza è inevitabile per qualsiasi applicazione o gioco. Ci sono diversi “step” con cui questi bug si possono manifestare, in questo caso si tratta di un problema che non compromette più di tanto il normale funzionamento del sistema operativo, ma nei casi più gravi può accadere che l’intero software o gioco venga compromesso.

Pertanto è fondamentale prima del rilascio definitivo del software al pubblico, una fase prolungata di test, proprio per cercare di correggere quegli errori più gravi e significativi. La moltitudine di utenti che incorrono in questo bug, l’unico modo provvisorio che hanno per cercare di recuperare alcune funzionalità del pulsante, è quello di premere con il tasto destro del mouse sull’icona del menu Start.

Nei prossimi paragrafi vedremo alcune soluzioni più o meno complicate e invasive per cercare di recuperare il corretto funzionamento di Windows 10.

1) Riavvio del processo explorer.exe

La prima soluzione che possiamo tentare per cercare di ripristinare il funzionamento riguarda il processo “explorer.exe” che spesso si blocca e bisogna procedere al riavvio manuale agendo attraverso il “Task Manager“. Per procedere correttamente, come primo passo premiamo contemporaneamente i tasti CTRL+ALT+CANC e nel menu che appare selezioniamo la voce “Gestione Attività”, una volta che si sarà aperta una piccola finestra, andiamo a cliccare con la freccia del mouse sulla scritta collocata in basso “più dettagli”.

A questo punto si espanderà la visualizzazione e compariranno diverse schede, dopodiché rechiamoci sulla scheda “processi” e cerchiamo dalla lista sotto la voce “processi di Windows”, il processo chiamato “Esplora risorse” e clicchiamoci sopra con il tasto destro del mouse. In seguito dal menu che appare selezioniamo l’opzione “Riavvia”.

2) Resettare file di sistema

Come seconda soluzione, l’operazione consiste nel cercare di resettare i file di sistema necessari al corretto funzionamento del menu in questione. Anche questa volta la procedura non sarà particolarmente complessa, ma necessiterà di un briciolo di attenzione in più rispetto alla precedente; siccome andremo ad utilizzare lo strumento di Windows a riga di comando per impartire alcuni comandi.

Come primo passo dovremo aprire il Prompt dei comandi senza l’utilizzo del menu start (siccome non funziona :D), e per riuscirci faremo affidamento alla combinazione di tasti Win+R. Nella finestra che appare digitiamo nel campo di testo il comando “cmd.exe” e diamo OK, si aprirà una finestra nera, niente paura seguite tutti i passaggi seguenti e non combinerete nessun danno! Nel prossimo paragrafo troverete dei comandi da scrivere in modo preciso in questa finestra, per cui vi consiglio di fare un copia-incolla.

Il primo comando da lanciare è sfc /scannow e diamo invio per avviare la scansione dei file di sistema. Una volta completata dovremo riavviare il PC premendo con il tasto destro del mouse sul pulsante Start e dal menu che appare selezionare la voce “Chiudi o disconnetti > Riavvia il sistema”.

A riavvio completato, quando saremo sul Desktop la prima cosa da fare sarà controllare se il menu Start ha ripreso a funzionare correttamente; se l’esito dovesse essere positivo abbiamo concluso, in caso contrario procedi con la prossima soluzione.

3) Creazione di un nuovo account amministratore locale

Anche se nonostante le precedenti soluzioni il menu Start di Windows 10 non ne vuole sapere di ripartire, possiamo provare con la terza soluzione che consiste nella creazione di un nuovo account amministratore locale temporaneo per tentare il ripristino. Il primo passo da compiere consiste nel premere contemporaneamente i tasti Win+X sulla tastiera e dal menu che appare selezionare la voce Windows PowerShell (amministratore). A questo punto dovrai digitare in ordine questi comandi premendo il tasto Invio per ognuno di essi:

  • net user “prova1” “password1” /add
  • net user “prova2” “password2” /add
  • net localgroup administrators “prova2” /add

Al termine dell’operazione se tutto è stato eseguito correttamente, avrai creato due account utente chiamati rispettivamente “prova1” e “prova2” di cui prova2 gode dei privilegi di amministratore.

Ora, per procedere dovremo premere la seguente combinazione di tasti CTRL+ALT+CANC e dalla finestra che apparirà selezionare la voce “Disconnetti”. Adesso che  il vecchio profilo è stato disconnesso, eseguiamo l’accesso con l’account “prova1” appena creato con la relativa password (password1), una volta che apparirà il desktop controlliamo che il menu Start e la funzione di ricerca funzionino correttamente. Se l’esito risulta positivo ripetiamo la medesima operazione fatta in precedenza con i tasti CTRL+ALT+CANC e selezioniamo la voce Disconnetti, una volta che sarà completata la procedura di disconnessione, il prossimo passo da compiere riguarda il secondo profilo temporaneo, infatti bisognerà effettuare l’accesso allo stesso modo inserendo la relativa password (password2).

Successivamente appena il desktop sarà in funzione dovremo premere la combinazione di tasti WIN+X e selezionare dal menu che appare, la voce “Esplora file”, si aprirà una finestra in cui bisognerà recarsi nel menu in alto e selezionare VISUALIZZA poi ne quadratini a destra attivare la spunta relativa all’opzione “elementi nascosti”.

Ora rimanendo sempre nella stessa finestra, dovremo recarci nel seguente percorso C:\Utenti\Temp1\AppData\Local\TileDataLayer (basterà incollarlo nel campo affianco a quello chiamato “Cerca in Questo PC” e premere Invio). Nel caso in cui dovesse apparire un messaggio di autorizzazione, premere il tasto Continua finché non sarai entrato nella cartella del percorso appena citato. Una volta raggiunta la destinazione d’interesse, bisognerà cercare tra le varie cartelle quella chiamata “Database” e cliccarci sopra con il tasto destro del mouse; dal menu che appare selezionare la voce “copia”.

A questo punto dovrai eseguire allo stesso modo i passaggi svolti in precedenza per la disconnessione dal profilo temporaneo, e recarti NEL TUO profilo principale quello in cui il problema persiste. Fatto ciò recati nella medesima cartella (C:\Utenti\nome-utente\AppData\Local\TileDataLayer), quindi, clicca col tasto destro del mouse sulla cartella “database” tra quelle che appaiono, e dal menu che compare seleziona la voce “rinomina” e rinominala in Database.bak poi conferma l’operazione con Invio.

Conclusione

Infine per completare la procedura, entriamo nella cartella appena creata e clicchiamo in un punto vuoto qualsiasi il tasto destro del mouse e selezionano incolla, per sostituire i file eventualmente danneggiati con quelli dell’altro profilo, ora bisognerà effettuare un ulteriore riavvio del pc e se tutto sarà stato eseguito correttamente il menu start dovrebbe riapparire.

Se tutto è ritornato a funzionare a dovere non resta altro che recarsi in Impostazioni > Account > Famiglia e altri Utenti ed eliminare gli account Prova1 e Prova2 creati in precedenza.

Vinkmag ad

Point_Tech

Cresciuto a suon di pane e PC, alla vista del primo computer è stato subito amore. L'informatica è una parte di me e questa passione non la cambierei per nulla al mondo!

Read Previous

EVO SPEAR Phantom Gaming Edition, le nuove RAM di GeIL

Read Next

ASUS annuncia le nuovissime schede madri della serie TRX40 in grado di esaltare la potenza della CPU Ryzen Threadripper 3990X di AMD