Cherry Viola, i nuovi switch meccanici economici

L’azienda tedesca Cherry leader in questo settore, durante il CES 2020 ha svelato i suoi nuovi switch meccanici viola

Durante il corso degli ultimi anni le tastiere meccaniche, hanno sempre preso più piede nelle postazioni dei videogiocatori di tutto il mondo.

Il motivo è molto semplice, garantiscono prestazioni notevolmente superiori rispetto alle classiche soluzioni a membrana, il principale difetto però è proprio il prezzo, decisamente più elevato rispetto alle altre soluzioni appena citate.

Ed è proprio questo il punto che ha centrato Cherry durante l’ultimo CES 2020, presentando gli switch viola, si tratta di una soluzione a basso costo che dovrebbe garantire alle tastiere meccaniche di scendere di prezzo.

Dal punto di vista tecnico, questo nuovo switch ricorda l’MX Red, infatti entrambi vantano un punto di attuazione di soli 2 mm ed una corsa totale di 4 mm.

La forza richiesta per attivare lo switch è pari a 45 cN, Cherry ha garantito che lo switch sarà “meccanico” ed avrà un feedback “tattile”.

Gli switch viola saranno completamente trasparenti, il che li rende compatibili con i LED SMD permettendo così,la realizzazione di tastiere meccaniche con retroilluminazione RGB, mantenendo anche un costo non troppo elevato.

L’azienda non ha ancora rivelato qual’è sarà il prezzo di questi switch, però molto dipenderà dalle scelte dei vari produttori.

Non resta che aspettare l’arrivo sul mercato delle prime tastiere dotate di switch viola che dovrebbero debuttare quest’anno.

SK Hynix, la prima memoria ufficiale DDR5: 16 Gb e 5200 Mbps

ROG Swift 360, il primo monitor a 360 Hz

KM360, la nuova tastiera meccanica TKL proposta da G Skill

RECENSIONE | Adata XPG Summoner

Razer Huntsman: tastiere con interruttori opto-meccanici e reattività elevata

Mirco Romano

Appassionato di informatica dall’età di 3 anni. Ho cominciato nel lontanissimo 1988 quando mio padre mi comprò il commodore 64, da allora non ho più smesso di appassionarmi a questo mondo. All’età di 10 anni ho assemblato il mio primo pc comprando tutti i pezzi in un negozio della zona (non c’era Amazon).

Read Previous

Le novità di AMD al CES 2020

Read Next

Razer annuncia il Deathadder v2 e Basilisk v2