Arriva Nvidia Scanner: overclock sulle schede video con un solo click

Scanner Nvidia, questo sarà lo strumento che ti permetterà di overcloccare in modo rapido, ma, soprattutto molto semplice la tua scheda video.

Sì, perché dopo aver annunciato lo scorso agosto, i nuovi RTX 2080 Ti, RTX 2080 e RTX 2070, Nvidia ha pensato a un metodo per fare in modo che gli utenti potessero sfruttare tutta la potenza, e anche di più, delle loro schede video senza perdere tempo in test di stabilità.

Come ben sappiamo, infatti, nel momento in cui decidiamo di eseguire l’overclocking sui componenti del nostro PC, la fase di verifica della stabilità è sicuramente quella che occupa la maggior parte del tempo e che spesso crea problemi anche per esperti utenti.

Grazie allo strumento Scanner, questo sarà presto solo un ricordo.

Anziché andare per tentativi manuali basterà la pressione di un semplice tasto per avviare Nvidia Scanner e svolgere una routine aritmetica che valuterà la stabilità della scheda a diverse impostazioni di frequenza.

Appena avvieremo la funzione Scanner in automatico il programma comincerà ad aumentare la curva frequenza/tensione. Se l’overclok è troppo spinto, il programma comincerà a comunicare degli errori prima di mandare tutto l’intero sistema in crash.

evga precision x1 1
Clicca per ingrandire

Il programma una volta aver ricevuto l’errore calcolerà una nuova curva frequenza / tensione e ripartirà da zero in base all’ultimo test fallito.

Dall’inizio alla fine, il processo richiede meno di 20 minuti.

In una dimostrazione con Precision X1, Nvidia ha mostrato Scanner spingere una GeForce RTX 2080 fino a 2130 MHz con una tensione di 1,068mV.

Secondo Peterson le nuove RTX si overcloccano meglio della serie 10 e Scanner può dare una mano decisiva su questo fronte.

Nvidia Scanner non sarà limitato ai possessori di schede GeForce RTX.

Nvidia Scanner potrà essere usato anche dalle generazioni più vecchie anche se non ha specificato fino a che serie si estenderà questo programma.

Team Di redazione

Team di redazione

Read Previous

Delidding – Cos’è e come farlo

Read Next

AMD EPYC Rome: i primi benchmark trapelati per la nuova CPU a 7nm