Renee James, ex presidente di Intel, ha fondato qualche tempo fa la startup Amps Computing. 

L’azienda è specializzata nella produzione di processori basati su architetture ARM per il data center; le prime generazioni di chip sono ora disponibili per l’acquisto, con prezzi compresi tra 550 e 850 dollari. Tra i primi clienti spicca Lenovo.

Il chip della prima generazione è stato fabbricato da TSMC con il processo di produzione fino a 16 nm FinFET. 

Esistono varianti con 16 e 32 core e frequenza di clock fino a 3,3 GHz.  La frequenza dei chip Intel è più alta, ma considerando il consumo dell’ag1o è un ottimo punto di partenza.

Anche i prezzi sono molto competitivi: i chip Intel della Xeon non scendono al di sotto di $ 1,800 per uno, anche se è vero che ci sono enormi sconti per l’acquisto in grandi quantità.

Ampere Computing guarda già al futuro: i processori della prossima generazione saranno realizzati a 7 nanometri – processo di produzione, che TSMC ha già funzionante – mentre Intel è ancora alle prese con il 10 nanometro. 

Livelli di consumo energetico ancora più bassi, uniti a un aumento delle prestazioni, potrebbe essere sufficiente per catturare l’attenzione dei principali clienti di questo particolare settore, ovvero Facebook e Google