AMD Ryzen 4000G – le nuove APU del Team Rosso

AMD ha ufficializzato le tanto attese APU per desktop, basate sull’architettura Zen 2 con grafica Vega integrata a 7 nm

Queste nuove CPU essendo basate sulla stessa architettura degli attuali processori Ryzen, offrono caratteristiche simili, ma si differenziano dal punto di vista della costruzione dei chip stessi, utilizzando un design monolitico completamente diverso rispetto alla soluzione utilizzata per i Ryzen di 3 Generazione. La nuova famiglia di APU AMD Ryzen 4000G è composta da 3 modelli principali: Ryzen 7 4700G, Ryzen 5 4600G e Ryzen 3 4300G.

Il primo è il modello top di gamma dell’offerta e può contare su 8 Core, 16 Thread e 12 MB di memoria Cache. Le frequenze operative partono da una base di 3,6 Ghz ed arrivano con il boost fino a 4,4GHz. Trattandosi di APU troviamo una componente grafica composta da 8 Core operanti ad una frequenza di 2100 Mhz. Passando poi al modello successivo, il Ryzen 5 4600 G, troviamo invece 6 Core e 12 Thread, abbinati ad un quantitativo da 11MB di memoria Cache. Le frequenze si spingono in modalità boost fino ai 4,2GHz; mentre la GPU integrata, offre 7 Core grafici operanti a 1900MHz. Infine, troviamo la proposta Entry-Level, ossia il Ryzen 3 4300 G, questa CPU dispone di 4 Core e 8 Thread accompagnati da 6 MB di memoria Cache ed una frequenza in boost massima di 4GHz. Lato grafica invece, i core grafici sono 6 ed operano a 1700 Mhz. Tutti e tre i modelli condividono un TDP di 65 Watt.

Ovviamente non potevano mancare i confronti sulle prestazioni, effettuati tra i nuovi Ryzen 4000G e gli Intel Core di nona generazione dotati di grafica integrata. Secondo i grafici forniti dalla società, la GPU dei nuovi Ryzen 4000G è in grado di offrire performance che permettono di giocare in 1080p senza difficoltà con un livello di dettaglio basso. AMD ha confrontato la grafica integrata del Ryzen 7 4700G con quella del Core i7-9700 e quella del Ryzen 5 4600G con quella del Core i5-9500, facendo registrare delle prestazioni considerevolmente migliori. Anche se nelle slide mancano alcuni valori come, gli FPS ma le premesse sembrano ugualmente positive.

 

 

 

 

Queste APU hanno anche delle controparti chiamate “GE”, che offrono delle caratteristiche operative inferiori e un TDP di soli 35 Watt. L’azienda ha colto l’occasione anche per mostrare come le sue CPU siano superiori rispetto alla concorrenza, non solo nei giochi ma anche nell’ambito della creazione dei contenuti. I diversi test effettuati includono anche una voce non ben specificata chiamata “Real-time Rendering”. Ad ogni modo tutti i test vedono vincere più che egregiamente le nuove soluzioni AMD.

Nuovi Athlon

Durante il corso della presentazione, AMD non ha mostrato solamente le nuove CPU Ryzen “classiche” ma si è spinta oltre, annunciando anche la nuova gamma dei processori Athlon. In particolare i nuovi modelli sono tre e andranno a competere direttamente con le soluzioni concorrenti Intel Pentium e Celeron.

Athlon Gold 3150G: Questa CPU è dotata di 4 Core e 4 Thread con 6 MB di Cache. La frequenza operativa massima è di 3,9 Ghz accompagnata da una grafica Radeon ed un TDP di 65 Watt.

Athlon Gold 3150GE: Questo modello riprende da molti punti il precedente, andando a modificare però la frequenza operativa che passa a 3,8 Ghz ed un valore del TDP ancora più basso, solamente 35 Watt.

Athlon Silver 3050GE: Ultimo modello non chè la soluzione più entry-level della gamma. Questo Silver è dotato solamente di 2 Core e 4 Thread  con 5 MB di Cache ed una frequenza di picco di 3,4 Ghz. Come il precedente modello anche qui ritroviamo un TDP di 35 Watt.

Ryzen PRO

In conclusione AMD ha poi svelato anche le varianti PRO di queste CPU dotate delle tecnologie sviluppate dall’azienda per i contesti più professionali, in cui è molto importante conservare i dati in sicurezza. Tra le funzionalità incluse con questi processori troviamo AMD Memory Guard, che aiuta a proteggere i dati nel caso in cui il PC venga perso o rubato e AMD Secure Processor, che permette di sfruttare al massimo le funzionalità di sicurezza di Windows 10. Ovviamente è stato svolto anche un lavoro prettamente hardware migliorando la sicurezza dell’architettura stessa che c’è alla base. Qui sotto trovate un’immagine, che riepiloga tutti i processori specifici per questi contesti.

DISPONIBILITA’

Purtroppo al momento non si hanno informazioni a riguardo, però la stessa AMD ha indicato il Q3 2020 ovvero presumibilmente verso Settembre. Inoltre bisogna precisare che almeno inizialmente queste nuove APU Ryzen 4000G saranno disponibili solamente per gli OEM partner di AMD. Magari è possibile che in futuro arrivino anche nel mercato al dettaglio.

 

Chipset AMD X590 trapelano alcune foto – Rumor

Ryzen Threadripper 3990X 64 Core 128 Thread

AMD vuole combattere Intel anche sul mercato di mini-PC

Point_Tech

Cresciuto a suon di pane e PC, alla vista del primo computer è stato subito amore. L'informatica è una parte di me e questa passione non la cambierei per nulla al mondo!

Read Previous

Un nuovo connettore da 12 pin, per le GPU Ampere?

Read Next

ANTEC DF600 FLUX – Un Mid-Tower che innova