A volte quando progetto configurazioni con amici e clienti, sorgono sempre alcune domande riguardo il mondo del Watercooling.

A volte a farle è gente già addentrata nell’argomento, con un bagaglio di conoscenze ed abilita già consolidato, ma anche con convinzioni sbagliate.

Quest’articolo nasce proprio da quest’idea: demistificare il mondo dei raffreddamenti a liquido.

UTILIZZARE RESERVOIR PIU CAPIENTI ABBASSA LE TEMPERATURE MASSIME

Molti pensano che una grande massa d’acqua nei loro sistemi possa far abbassare le temperature massime.

Assemblano un pc con un loop customizzato e di solito fanno partire AIDA64 per un test di stress dei componenti: 10 – 15 minuti e il lavoro è fatto, giusto?

Beh, questo non è il modo in cui i liquidi a base d’acqua si comportano.

Un liquido in un impianto di raffreddamento impiegherà molto più tempo a stabilizzare la propria temperatura rispetto a sistemi ad aria.

Questo significa anche che gli stessi sistemi raffreddati a liquido impiegheranno più tempo a rilasciare il calore guadagnato durante una sessione di stress.

Di solito un reservoir più capiente è preferibile poiché rende il sistema più facile da riempire (bisogna riempire il res solo una volta prima di iniziare ad accendere il pc e rabboccare completamente il tutto) e per estetica ovviamente…

L’AGGIUNTA DI UN ULTERIORE RADIATORE ABBASSERA’ SEMPRE LE TEMPERATURE MASSIME

Non è esattamente vero, perché sì, l’aggiunta di radiatori farà diminuire le temperature, ma fino a raggiungere la TEMPERATURA AMBIENTE.

Non è possibile andare sotto la temperatura ambiente, a meno che non si utilizzi un sistema di raffreddamento ad azoto liquido (in cui non si utilizzano radiatori).

L’aggiunta di radiatori ad un sistema consentirà all’utente di rallentare la velocità della ventole e di avere un pc più silenzioso.

I FLUIDI NON CONDUTTIVI SONO SICURI IN CASO DI FUORIUSCITE SULLA SCHEDA MADRE

Metti un fluido non conduttivo nel tuo sistema, sei praticamente al sicuro, giusto? Beh non proprio.

Il fluidi non conduttivi lo diventano con il tempo. È la natura dei liquidi a base acquosa, tendono a caricarsi di ioni.

Certo, sono al sicuro all’inizio, ma una volta in circolo, a contatto con i componenti, è impossibile determinare quando inizieranno a diventare conduttivi.

I COLORANTI NON SONO CONSIGLIATI PER L’UTILIZZO QUOTIDIANO

Ci sono troppe varianti di liquidi colorati sul mercato: premiscelati, concentrati, ricette …

È difficile definire linee guida su questo argomento, ma si utilizza un comune premiscelato, è difficile sbagliare, a meno che non aggiungiate una tonnellata di concentrato per intensificare il colore.

Di solito i colori scuri, come il rosso, l’arancione, specialmente i pastello, tendono a sporcare più facilmente il sistema.

L’ORDINE DEI COMPONENTI IN UN LOOP È IMPORTANTE

Questo semplicemente non è vero, se parliamo di temperature. In un loop la temperatura del liquido è praticamente la stessa ovunque.

Devi solo assicurarti che la pompa sia posizionata subito dopo il serbatoio in modo da alimentarla costantemente al primo avvio.%